Oggi manifestazione unitaria davanti alla prefettura della Bat a Barletta dalle ore 10 alle 12

Mense e pulizie scolastiche e “aziendali”, Filcams: «Servono certezze subito»

Un presente difficile e un futuro ancora più incerto, per il quale è indispensabile trovare una soluzione al più presto. Molti hanno terminato la copertura dell’ammortizzatore sociale

Politica
Margherita mercoledì 24 giugno 2020
di La Redazione
Operatore mensa
Operatore mensa © n.c.

“Vogliamo risposte concrete e tempestive”. Il 24 giugno manifestano gli addetti ai servizi di mensa e pulizia di scuole e aziende perché “i loro diritti sono sospesi”, spiega la segretaria generale della Filcams Cgil Bat, Tina Prasti alla vigilia della mobilitazione nazionale organizzata dalla Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e Uiltrasporti. Sono previste iniziative territoriali per chiedere l’estensione della copertura degli ammortizzatori sociali, l’erogazione immediata delle indennità e la riapertura dei servizi mensa a settembre.

In Italia sono oltre 80mila le lavoratrici e i lavoratori coinvolti, di cui 39mila delle mense scolastiche e 13mila delle mense aziendali. Un presente difficile e un futuro ancora più incerto, per il quale è indispensabile trovare una soluzione al più presto. Molti hanno terminato la copertura dell’ammortizzatore sociale (FIS) con causale emergenza COVID-19, in tanti sono senza reddito da 3 mesi perché numerose imprese non hanno anticipato l’Assegno Ordinario e per il grave ritardo nella liquidazione dell’indennità da parte dell’INPS. Come ogni anno, inoltre, questi addetti vedranno sospesi i loro contratti a giugno, con la fine dell’anno scolastico e senza una prospettiva certa rispetto ai tempi e alle modalità di ripresa dei servizi per l’anno scolastico 2020/2021. Non va meglio per le lavoratrici e i lavoratori delle mense e pulizie del settore privato c.d. “aziendali” che stanno esaurendo la fruizione delle settimane di Cassa in Deroga previste dal DL Rilancio, al termine delle quali non ci sono ammortizzatori ordinari perché l’azienda committente non ha, a sua volta, dipendenti diretti in cassa integrazione.

Per tutte queste ragioni domani, 24 giugno, si terrà una manifestazione unitaria davanti alla prefettura della Bat a Barletta dalle ore 10 alle 12 per chiedere un confronto finalizzato ad individuare percorsi condivisi.

«Servono soluzioni per prorogare, di almeno 27 settimane, gli ammortizzatori con causale “COVID-19”, certezze sulla ripresa dell’anno scolastico a settembre, in presenza e in sicurezza per tutti, prevedendo il mantenimento del servizio mensa, è necessario prevedere l’accesso agli ammortizzatori sociali ordinari senza condizionalità rispetto al committente per le imprese e i lavoratori delle mense e delle pulizie c.d. “aziendali” e poi serve una riforma degli ammortizzatori sociali per non discriminare i lavoratori in appalto e dare risposte strutturali per i lavoratori part time ciclici oltre a misure di sostegno economico straordinarie per affrontare l’emergenza. Non c’è tempo da perdere: servono certezze oggi, per il lavoro e per il futuro», conclude la segretaria generale della Filcams della Bat, Tina Prasti.

Lascia il tuo commento
commenti