La nota dei parlamentari D'Attis e Damiani

Gelate, Forza Italia Puglia: «Decreto emergenze? Ennesima beffa per gli agricoltori»

"Siamo senza parole: le misure contenute nella bozza del decreto ‘emergenze’ per le gelate sono un’offesa agli agricoltori scesi in piazza", dichiarano D'Attis e Damiani

Politica
Margherita domenica 24 febbraio 2019
di La Redazione
gelate
gelate © n.c.

“La nostra diffidenza rispetto alle promesse del governo, espressa in occasione della imponente manifestazione di protesta dei gilet arancioni a Roma lo scorso 14 febbraio, non era ingiustificata. Oggi, infatti, siamo senza parole: le misure contenute nella bozza del decreto ‘emergenze’ per le gelate sono un’offesa agli agricoltori scesi in piazza e a cui il governo aveva dato garanzie precise di intervento", commentano il commissario regionale di Forza Italia, on. Mauro D'Attis, e il vice, sen. Dario Damiani.

"Invece nulla di fatto, una beffa evidente già guardando le risorse stanziate: soltanto due milioni e mezzo all’anno fino al 2020. E, come se non bastasse l'esiguità della cifra, saranno utilizzabili solo dagli agricoltori che hanno contratto dei mutui. Eppure il governo è consapevole, secondo quanto riportato nella relazione alla bozza di decreto, che le imprese agricole colpite dalle gelate sono circa 25 mila. Ergo, calcolatrice alla mano, ogni azienda avrà delle agevolazioni pari a... 100 euro! Una vergogna, a fronte di perdite elevatissime: si stimano, infatti, oltre 300 milioni di euro di produzione in fumo, per non parlare delle ore lavorative perse nelle nostre campagne e dei riflessi drammatici su tutto l'indotto, che hanno messo in ginocchio un intero comparto.

Tradotto, il governo ha previsto di mettere in campo per far fronte a questa emergenza lo 0,8% di quanto perso dalle nostre aziende, che non hanno bisogno certamente di questa elemosina ma di aiuti veri. Per arrivare a questo misero risultato, non era necessario allora attendere mesi perdendo tempo, visto che la questione è sul tavolo dell'esecutivo dalla scorsa estate, grazie alla determinazione dei nostri agricoltori, supportati da noi fin dal primo momento dentro e fuori le aule parlamentari. Per dare un segno serio e incisivo, il governo dovrebbe stanziare almeno 50 milioni di euro per questa calamità. Noi continueremo a dare battaglia e vigilare contro la politica della propaganda che illude i cittadini e le imprese e non riesce a mantenere gli impegni pubblicamente assunti. Una politica che, inoltre, sta confermando una grave disparità di trattamento tra Nord e Sud del Paese”.

Lascia il tuo commento
commenti