La nota del consigliere regionale capogruppo PD Filippo Caracciolo

Piano di potenziamento dei centri per l'impiego illustrato al gruppo regionale PD

Incontro con il direttore generale ARPAL Massimo Cassano

Politica
Margherita sabato 17 luglio 2021
di La Redazione
ARPAL Puglia
ARPAL Puglia © n.c.
“Con tutti i consiglieri regionali del Partito Democratico ho incontrato il direttore generale ARPAL Massimo Cassano il quale nella suo intervento ha ben illustrato il piano straordinario di potenziamento dei centri per l'impiego per il 2019/2021”. Ad intervenire sul tema è il consigliere regionale e presidente del gruppo PD Filippo Caracciolo.

“L’incontro con il direttore Cassano - spiega Caracciolo - è stato utile per comprendere al meglio l’aggiornamento del piano, un provvedimento che si inserisce nel percorso di rafforzamento dei servizi pubblici per il lavoro con l'obiettivo di migliorarne la capacità di rispondere ai bisogni degli utenti”

“Obiettivo del piano - prosegue il consigliere regionale - è quello di conseguire una serie di risultati che comprendono anche il rafforzamento delle competenze degli operatori, il potenziamento delle infrastrutture dei servizi pubblici per il lavoro e il miglioramento dei processi gestionali, di servizio e dei sistemi informativi dei Centri per l’impiego. Il piano - aggiunge Caracciolo -  si fonda sul riconoscimento dell'importanza centrale dei servizi per l'impiego, che costituiscono l’infrastruttura primaria del mercato del lavoro e da sempre svolgono fondamentali compiti di rilievo istituzionale per l'integrazione attiva delle persone. Prevista anche particolare attenzione ai destinatari di Reddito di Cittadinanza”.

“Il piano assunzioni ARPAL, quanto mai importante in un momento delicato dal punto di vista occupazionale come quello che stiamo vivendo, verrà portato avanti all’insegna della trasparenza e del rispetto delle norme. La speranza - conclude Caracciolo - è che vengano messe da parte le polemiche e che qualsiasi tipo di valutazione avvenga nel merito delle questioni”.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Lascia il tuo commento
commenti