Senza dimenticare “Il lavoro si fa strada”, la campagna d’ascolto e di informazione promossa dalla Cgil

Agricoltura, nella fase 3 la Flai Cgil Bat torna in strada

Assemblee in sicurezza nei posti di lavoro e regolarizzazione dei migranti. Riglietti: «Al via monitoraggio cassa integrazione»

Attualità
Margherita sabato 27 giugno 2020
di La Redazione
La Flai Cgil Bat
La Flai Cgil Bat "ancora in campo" © n.c.

La Flai Cgil Bat, dopo lo stop derivante dall’emergenza sanitaria, riparte con una serie di assemblee nei luoghi di lavoro (rispettando il distanziamento sociale e l’utilizzo dei DPI) che riguardano il comparto agricolo, uno di quelli che nella pandemia non si è fermato garantendo la materia prima e la trasformazione nella filiera alimentare.

Senza dimenticare “Il lavoro si fa strada”, la campagna d’ascolto e di informazione promossa dalla Cgil che ha permesso di incontrare e discutere con tantissimi lavoratori e lavoratrici su tematiche molto importanti. Anzi, dopo il lockdown che ci ha tenuto lontani, almeno fisicamente dai lavoratori, è ancora più necessario tornare ad incontrarsi per capire qual è lo stato dell’arte rispetto al tema della ripartenza.

«In questi mesi abbiamo fornito assistenza a tantissime lavoratrici e lavoratori del settore agricolo, sfruttando la tecnologia, ma ciò che noi preferiamo è il contatto umano perché siamo un ‘sindacato di strada’ e quindi con un piano di assemblee torniamo nelle aziende a parlare con i lavoratori e le lavoratrici, ora più che mai abbiamo bisogno di capire come è stata gestita l’emergenza sanitaria e quali le basi gettate per la ripartenza. Non solo, a parte il settore agricolo che non si è fermato per le altre realtà del nostro settore (pesca, industria alimentare, artigianato alimentare, ecc..) sono state avviate da parte delle aziende richieste di periodi di cassa integrazione e anche su questo fronte abbiamo necessità di avviare un monitoraggio per capire lo stato dell’arte rispetto al pagamento dei periodi di CIG, se alcuni lavoratori sono ancora in ammortizzatore sociale e quali le problematiche che impediscono il ritorno alla normalità per avviare insieme un’azione sindacale in supporto della categoria», spiega Gaetano Riglietti, segretario generale Flai Bat .

Inoltre prosegue l’attività della Flai in materia di regolarizzazione dei migranti, lavoratrici e i lavoratori che lavorano in agricoltura, allevamento, zootecnia, acquacoltura, pesca e nelle attività connesse interessati possono recarsi nelle nostre sedi per ricevere l’assistenza necessaria.

«Non appena conquistata la regolarizzazione degli immigrati la Flai Cgil nazionale si è mobilitata per l’attivazione di un numero verde 800.171.100 info regolarizzazione attivo tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 10,00 alle ore 16,30 che rappresenta un ulteriore passo importante verso la legalità, una norma di civiltà volta a restituire dignità a tante lavoratrici e tanti lavoratori irregolari. Una sfida che ci vedrà impegnati per far emergere la più ampia platea possibile di migranti irregolarmente occupati nel settore agricolo», conclude Riglietti.

Lascia il tuo commento
commenti