Le regole

1° maggio, il decalogo del perfetto eco pic-nic

Tra i piatti più gettonati​ ci saranno fave e pecorino, ma anche lasagne, salumi, formaggi, uova sode e le tradizionali grigliate a base di carne, pesce e anche verdure. I consigli di Coldiretti

Attualità
Margherita sabato 27 aprile 2019
di La Redazione
1° maggio, il decalogo del perfetto eco pic-nic
1° maggio, il decalogo del perfetto eco pic-nic © Coldiretti Puglia

Nei Mercati di Campagna Amica sono i contadini a dare i consigli utili per allestire il picnic perfetto in vista dell’appuntamento del 1° maggio. Tra questi riempire il tradizionale cestino nel rispetto della tradizione, garantirsi prodotti freschi e di qualità, preparare gustose e sane merende, valorizzare in cucina gli avanzi da consumare all’aria aperta, scegliere la giusta carne per grigliate in sicurezza e comportarsi in modo rispettoso per l’ambiente.

Meglio, per esempio, scegliere alimenti sfusi invece che confezionati per evitare di disperdere gli imballaggi e ridurre così i rifiuti; o ancora preferire prodotti di stagione e a km zero acquistati direttamente nelle aziende agricole per evitare l’inquinamento provocato dai trasporti.

Tra i piatti più gettonati nei picnic si classificano secondo la Coldiretti, insieme al tradizionale abbinamento fave e pecorino, anche lasagne, salumi, formaggi, uova sode e le tradizionali grigliate sul posto a base di carne, pesce e anche verdure. Non mancano però polpette, frittate di pasta o di verdure, pizze farcite, ratatouille e macedonia, ma anche colomba farcita da creme realizzate con la “cucina del giorno dopo”, favorita dalla positiva tendenza a ridurre gli sprechi.

È buona norma fare attenzione alla qualità e alla freschezza di quello che si mette nel cestino. Le fave, ad esempio, immancabili in ogni picnic primaverile, devono essere turgide, di colore brillante e senza macchie, lucide e di forma regolare, ma ad autenticarne la qualità e la freschezza è lo “schiocco” che deve fare il baccello quando lo si spezza. Per acquistare un buon pecorino, il consiglio è invece quello di rivolgersi ai pastori che fanno vendita diretta, contribuendo tra l’altro a sostenere gli allevamenti Made in Italy in un anno segnato da dure battaglie per vedere riconosciuto un giusto prezzo.

Per gli appassionati della grigliata, un ottimo risultato si può avere ricorrendo a materie prime di qualità da allevamenti nazionali che garantiscono freschezza e genuinità. È poi possibile risparmiare fino al 50% con l’acquisto di tagli alternativi meno conosciuti e più economici, ma anche più adatti al piatto che si vuole portare in tavola, senza rinunciare alla qualità italiana. Per questo è importante valorizzare anche i “pezzi” minori di carne nella consapevolezza che, per esempio, del bovino esistono tagli che hanno ottimi rendimenti in cucina.

È importante inoltre scegliere il luogo adatto in cui posizionarsi, facendo attenzione a non danneggiare le aree protette o quelle coltivate con la raccolta di piante, fiori o frutti e soprattutto lontano da zone a rischio incendi in caso di grigliate. Norma fondamentale è che il barbecue non sia mai lasciato incustodito e, a conclusione della grigliata, venga spenta la carbonella per scongiurare il rischio che qualche scintilla caduta sulla vegetazione secca possa innescare un incendio.

Usare piatti e bicchieri biodegradabili evitando la plastica e non lasciare avanzi fanno parte infine del bon ton del picnic perfetto che tutti dovrebbero seguire.

Ecco il Decalogo Coldiretti dell’eco-picnic

1. Scegliere un luogo adatto privilegiando gli spazi attrezzati e facendo attenzione a non danneggiare aree protette o campi coltivati e a non raccogliere o danneggiare fiori o piante spontanee che rappresentano un contributo alla biodiversità.

2. Non avvicinarsi troppo agli animali al pascolo e non attirarli con generi alimentari.

3. Scegliere alimenti sfusi invece che confezionati, “tagliando” così gli imballaggi che pesano sull’ambiente, e fare attenzione alla qualità e alla freschezza di quello che si mette nel cestino, dalle fave al pecorino, per evitare di dover poi buttare i prodotti che non si sono conservati bene.

4. Utilizzare prodotti a km zero, che non devono percorrere lunghe distanze prima di giungere a tavola, magari acquistati direttamente nelle aziende agricole del luogo dove si va a fare il picnic in modo da avere alimenti di qualità, anche biologici, freschi e al giusto prezzo.

5. Fare le grigliate in sicurezza, adottando tutti gli accorgimenti utili a evitare il rischio di incendi

6. Usare piatti e bicchieri biodegradabili che consentono di evitare l’uso delle stoviglie tradizionali senza dover ricorrere a quelle di plastica, materiale che impiega oltre 200 anni per scomparire dal terreno.

7. Non abbandonare i rifiuti prodotti sul posto, ma dividerli per la raccolta differenziata e utilizzare il materiale organico per la produzione di fertilizzanti.

8. Non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall’automobile e verificare che la marmitta non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi.

9. Scegliere una località non troppo lontana dal luogo di residenza, dove spesso si scoprono bellezze inaspettate, consente di ridurre l’inquinamento dovuto ai trasporti.

10. In caso di pioggia ritirare rapidamente tutto il materiale esposto e non soffermarsi vicino agli alberi che possono risultare pericolosi in caso di fulmini.

Lascia il tuo commento
commenti