La novità

Reati tributari, sottoscritto in Procura un protocollo investigativo

L'accordo prevede il coinvolgimento anche della Guardia di Finanza e dell'Agenzia delle Entrate con l'obiettivo di potenziare l’efficacia e la tempestività dell’azione di contrasto al fenomeno

Attualità
Margherita martedì 15 giugno 2021
di la redazione
La sottoscrizione del protocollo
La sottoscrizione del protocollo © n.c.

Il Procuratore della Repubblica di Trani, Dott. Renato Nitti, il Comandante Regionale Puglia della Guardia di Finanza, Gen. D. Francesco Mattana e il Direttore Regionale della Puglia dell’Agenzia delle Entrate, Dott. Michele Andriola, hanno siglato - presso l’Ufficio Giudiziario - un protocollo di intesa volto a rafforzare il coordinamento investigativo tra l’Autorità giudiziaria e l’Amministrazione finanziaria in ambito locale.

L’accordo si pone quale principale obiettivo quello di potenziare l’azione di repressione dell’evasione fiscale, con particolare riguardo ai fatti di maggiore pericolosità e allarme sociale, come le frodi transnazionali, l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, la creazione di schermi societari al solo scopo di inquinare i mercati e il conseguente riciclaggio dei proventi illeciti. Infatti, sovente, le frodi fiscali, l’utilizzo di fatture false e di contabilità opache o artefatte sono reati spia di disegni criminali di più vasta portata, che permettono anche a pericolose e organizzate consorterie criminali di infiltrarsi nel tessuto economico e imprenditoriale, creando risorse finanziarie occulte e nascondendosi dietro prestanome e società artatamente costituite.

Pertanto, al fine di potenziare l’efficacia e la tempestività dell’azione di contrasto, le Parti del protocollo si sono impegnate ad implementare, semplificare e accelerare i flussi di comunicazione reciproci, sfruttando l’innovazione tecnologica dello strumento telematico. Ciò al fine di consentire all’Autorità giudiziaria inquirente di assumere celermente la direzione delle indagini, assicurando nel contempo un coordinamento costante ed efficace tra gli sviluppi amministrativi e penali dei singoli contesti oggetto di investigazione.

L’accordo - frutto di un articolato lavoro preparatorio - disciplina, in più, una serie di adempimenti procedurali tesi a garantire, in tempi rapidi, la tassazione dei proventi illeciti derivanti da qualsivoglia attività criminale e l’indeducibilità fiscale dei cc.dd. 2 “costi da reato”, al fine di recuperare ulteriori risorse al gettito fiscale da destinare alla collettività. Inoltre, il protocollo prevede momenti di specifico confronto operativo tra le due “anime” dell’Amministrazione finanziaria, con il coordinamento della Procura, nei casi in cui emergano fattispecie di particolare pericolosità criminale, per il contrasto delle quali è fondamentale l’attivazione tempestiva dei poteri e delle tecniche investigative propri della polizia giudiziaria.

Infine, è stato puntualmente definito il percorso operativo per gli accertamenti economico-patrimoniali volti a risalire alle modalità di reimpiego delle risorse finanziarie illecitamente accumulate grazie all’evasione fiscale, nonché a individuare i beni nella disponibilità, anche di fatto, degli evasori, al fine di procedere al loro rapido sequestro e, quindi, alla loro confisca definitiva. Il protocollo così formalizzato costituisce, pertanto, un decisivo passo in avanti nell’azione di contrasto alla criminalità economico-finanziaria e all’illecito arricchimento di quegli operatori che - in spregio delle regole del mercato - recano un grave danno all’economia legale del Paese, soprattutto nell’attuale, sfavorevole congiuntura finanziaria.

Lascia il tuo commento
commenti