Ruggiero Mennea è tra i firmatari della mozione

Violenza donne, Mennea: «Puglia tra prime Regioni a fissare linee guida per assistenza sanitaria»

Mozione sulle linee guida nazionali per le aziende sanitarie e le aziende ospedaliere in tema di soccorso e assistenza socio-sanitaria alle donne vittime di violenza approvata dal Consiglio regionale

Politica
Margherita venerdì 06 aprile 2018
di La Redazione
Ruggiero Mennea, legge sugli sprechi alimentari
Ruggiero Mennea, legge sugli sprechi alimentari © nc

“La Puglia sarà tra le prime Regioni in Italia ad adottare le linee guida, approvate con il dpcm del 24 novembre 2017, che riguardano tutti i percorsi da predisporre all’interno delle aziende sanitarie ospedaliere per le donne vittime di violenza. Esprimo soddisfazione per la dichiarazione del presidente Emiliano, dimostratosi subito disponibile ad accogliere le linee guida. Ora dobbiamo creare le condizioni giuste per accogliere le vittime di violenza, che da parte nostra meritano un supplemento di attenzione, in modo da evitare che al danno si aggiunga la beffa. E’ un atto di civiltà per andare incontro alle donne che subiscono violenza, ma anche un modo per evitare il peggio”. Lo dichiara Ruggiero Mennea, firmatario della mozione sulle linee guida nazionali per le aziende sanitarie e le aziende ospedaliere in tema di soccorso e assistenza socio-sanitaria alle donne vittime di violenza, approvata ieri, 5 aprile, all’unanimità dal Consiglio regionale.

“Rispetto ai dati Istat e alla relazione finale approvata dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio – spiega Mennea – avevamo necessità di accelerare il recepimento delle linee guida, perché ogni struttura sanitaria ospedaliera possa attrezzarsi con personale qualificato e con percorsi appositi per seguire le vittime di violenza (soprattutto quella sessuale), maltrattamenti e stalking. Fino ad ora solo la Lombardia lo aveva fatto, perché il provvedimento è di recente emanazione. Quindi, saremo – conclude l’esponente del Pd - una delle prime Regioni a farlo e a dotarci di queste regole giuste e sacrosante”.

Lascia il tuo commento
commenti