Dalla Regione Puglia

Sprechi alimentari, Mennea: «La legge aiuterà quattrocentomila famiglie pugliesi»

"La volontà è di accelerare la fase di attuazione della legge"

Politica
Margherita giovedì 06 luglio 2017
di La Redazione
Ruggiero Mennea, legge sugli sprechi alimentari
Ruggiero Mennea, legge sugli sprechi alimentari © nc

“La legge per il recupero delle eccedenze alimentari e dei farmaci si appresta a diventare operativa. Crediamo che, già a settembre, la rete per la redistribuzione sarà realtà. Ieri abbiamo avviato l’istituzione del tavolo di coordinamento regionale, che è lo strumento necessario per l’attuazione della nuova norma”. Lo dichiara Ruggiero Mennea, consigliere regionale Pd e presidente del comitato permanente della Protezione civile, promotore della legge regionale 13/2017 su “Recupero e riutilizzo di eccedenze, sprechi alimentari e prodotti farmaceutici” entrata in vigore lo scorso 19 maggio.

Nel corso dell’incontro tenutosi ieri nel palazzo del Consiglio - con gli assessori regionali al Welfare e all’Agricoltura, Salvatore Negro e Leonardo Di Gioia, e le rispettive strutture - si è sottolineata la necessità di ‘inglobare’ le esperienze positive di quanti già operano per il recupero delle eccedenze alimentari, come (giusto per citare alcuni esempi) le reti costituite dalla Caritas di Barletta, dall’Emporio della Solidarietà di Lecce o de La Città Visibile di Maglie. Sono, soprattutto, stati individuati i soggetti che dovranno attuare la legge e si è deciso di elaborare un protocollo da far sottoscrivere, quanto prima, ai produttori di eccedenze alimentari e farmaceutiche.

“Questo incontro – spiega ancora Mennea - rappresenta il primo passo per l’applicazione della legge regionale. La volontà del governo pugliese è in perfetta sintonia con quella del Consiglio perché si è deciso di accelerare la fase di attuazione della legge, costituendo quanto prima il tavolo di coordinamento che dovrà stilare le linee guida per rendere operativa la norma e individuare modelli di buone prassi per ottimizzare il recupero delle eccedenze alimentari e dei farmaci e la loro distribuzione”.

L’esponente del Pd spiega anche che “ci sarà un coinvolgimento in ambito istituzionale attraverso gli assessorati a Welfare e Agricoltura, ma anche di Anci in rappresentanza dei sindaci, del forum del terzo settore e degli altri enti caritativi. Non può mancare – precisa - la partecipazione dell’Agea, che già opera nel settore del recupero delle eccedenze alimentari, e del settore Sviluppo economico. L'avvio del tavolo di coordinamento è un passo avanti importante che vedrà attuare questa legge, molto attesa non solo dal terzo settore ma anche dai cittadini. Si contano – dice Mennea – circa 400mila famiglie in Puglia che, grazie a questa legge, vedrebbero risolte situazioni che oggi rappresentano difficoltà quasi insuperabili. Per questo, penso che la politica vera – conclude – dovrebbe occuparsi tutti i giorni di queste cose”.


Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette