Ambiente

Ricerche idrocarburi, il Tar respinge il ricorso di Regione e Comuni

Legambiente ai parlamentari pugliesi neoletti e alla Regione: «Si facciano promotori di una legge che vieti una volta per tutte la pericolosa tecnica dell’airgun»

Attualità
Margherita venerdì 09 marzo 2018
di La Redazione
Una piattaforma per l'estrazione di petrolio
Una piattaforma per l'estrazione di petrolio © n.c.

«Ribadiamo il nostro appello, questa volta rivolgendoci ai parlamentari pugliesi neoeletti, nonché alla Regione, di farsi promotori di una legge che vieti la tecnica dell’airgun, estremamente pericolosa e impattante per l’ecosistema marino, oltre che la redazione di un piano delle aree per le attività di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi, da sottoporre a valutazione ambientale strategica, per avere un quadro degli effetti cumulativi delle attività petrolifere in corso, visto che la nostra regione continua a far gola alle società petrolifere».

Questo il commento di Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, alla luce del respingimento dei ricorsi proposti lo scorso 26 ottobre dalla Regione Puglia e da alcuni comuni pugliesi.

Gli enti avevano impugnato dinanzi al tribiunale amministrativo i decreti del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare che autorizzavano le ispezioni di ricerca di idrocarburi, al largo della costa pugliese con l’airgun.

Una tecnica di ricerca che utilizza onde compressionali emettendo bolle di aria compressa nell'acqua. per gli ambientalisti, l'airgun, «potrebbe avere ripercussioni negative sulla fauna e sulla flora marina. Infatti, mediante cannoni ad aria compressa, provoca onde sismiche sottomarine in grado di scandagliare i fondali attraverso appositi rilevatori sonori per verificare o meno la presenza di petrolio».

Lascia il tuo commento
commenti